Venerdì 30 Gennaio 2015 08:47

VIETATO IL RECUPERO DEI CAPI FERITI IL MARTEDI' E IL VENERDI' !

(SE IL CINGHIALE O IL CAPRIOLO PATIRANNO PER UN'INTERA GIORNATA NON IMPORTA)

E' stata pubblicata in questi giorni la sentenza N° 2 del 2015 della Corte Costituzionale che ha dichiarato l'incostituzionalità della Legge della Regione Friuli.Venezia Giulia che consentiva alle persone autorizzate il recupero dei capi feriti, anche nei giorni di silenzio venatorio, ossia il martedì ed il venerdì ed anche nei due giorni successivi alla chiusura della stagione venatoria.

Secondo la Corte Costituzionale il permesso di portare il fucile carico di martedì e venerdì, nonostante sia rilasciato esclusivamente per il recupero dei capi feriti, costituisce un modo di aggirare il divieto di caccia nei giorni di silenzio venatorio, come stabilito dalla L 157/1992, ma soprattutto è in contrasto con l'esclusiva dello stato in materia di tutela dell'ecosistema (e di armi).

Con questa sentenza abbiamo la prova che chi pensa che i giudici siano sempre dalla parte degli animalisti si sbaglia, in quanto da oggi è chiaro che le sofferenze di un animale ferito, che sicuramente morirà dissanguato o per setticemia, non contano proprio nulla di fronte alla riaffermazione del principio di riserva assoluta dello Stato in certe materie.

Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Febbraio 2015 10:02